il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Tag: immagini

Digital Video Recorder: visualizzare un videoregistratore su 2 monitor

All’interno dell’impianto di videosorveglianza una delle componenti fondamentali, oltre alle telecamere che riprendono le immagini, è sicuramente il Digital Video Recorder, ossia un apparecchio a disco rigido dotato di memorie, processore e sistema operativo a seconda delle peculiarità che lo contraddistinguono. Si tratta di un’importante unità informatica tra i dispositivi per garantire la sicurezza, che oltre a rappresentare un plus di potenzialità nella riproduzione delle immagini, ha la capacità di immagazzinare nel suo archivio tutta la durata dei video registrati, rendendo inoltre sempre disponibili le immagini catturate in formato digitale a seconda delle specifiche esigenze e richieste dell’utente.

Entriamo ora, nello specifico, sul funzionamento di un Digital Video Recorder e sul suo ruolo di registratore collegato direttamente alle telecamere di sorveglianza. Il Digital Video Recorder, che ad oggi apre un grandissimo ventaglio di nuove possibilità nel mondo dei componenti per la sicurezza, fa da vero e proprio “filtro” tra la telecamera ed i monitor di videosorveglianza: questi ultimi, infatti, sono collegati per via diretta al Digital Video Recorder, e proprio da esso passano le riprese dalle videocamere di sorveglianza installate all’interno oppure all’esterno delle abitazioni o delle attività commerciali.

Normalmente questo apparecchio ha come principale caratteristica la capacità di supportare un solo monitor o più monitor. Ciò dipende sia dal numero delle uscite video sia dal “frame rate”, uno specifico metro di misura che determina quanti video può riprodurre simultaneamente sul monitor il Digital Video Recorder in tempo reale e senza intoppi (interruzioni, discontinuità ecc.). Per quanto concerne le uscite video del Digital Video Recorder, risulta ovvio che più sono le uscite video e più è professionale, efficacie e di qualità il modello di Digital Video Recorder. Ciò non esclude, in tutti i casi, che un modello con una sola uscita sia comunque adeguato ed efficiente, in quanto grazie ad uno specifico accessorio in vendita nella maggior parte dei negozio specializzati nel settore dell’elettronica (adattatore a T con due BNC femmina ed un BNC maschio) risulta possibile collegare il Digital Video Recorder con una sola uscita video a due monitor.

In modo semplice e veloce avremo in tal modo un’entrata BNC maschio che si adatta all’uscita video BNC del DVR, con le due BNC femmina che convogliano il segnale verso i monitor di videosorveglianza. Con questo tipo di adattatore, dotato di un semplice attacco a forma di T, non si rischia alcun problema di invio del segnale o di ricezione, facendo sempre attenzione, però, che il frame rate del Digital Video Recorder sia adatto e comunque sufficiente per poter proiettare due video di sorveglianza contemporaneamente.

 

 

Videosorveglianza senza fili: i vantaggi e le procedure da seguire

Sempre più spesso veniamo a conoscenza di notizie riguardanti furti e violazioni della privacy, e l’esigenza di proteggere la propria abitazione, che sia una villa o un mini appartamento, o anche un capannone o il proprio ufficio, diventa una priorità. In questo contesto dotarsi di un impianto di Videosorveglianza senza fili può essere la soluzione migliore.

Come prima cosa è fondamentale avere il progetto dell’edificio che si intende installare l’impianto per poi scegliere le aree in cui si intende localizzare le telecamere. Negli impianti di videosorveglianza senza fili, scelti soprattutto per la loro facilità di installazione in loco, è importante che le telecamere si possano spostare e che, una volta scelta la/le localizzazioni, ci sia necessariamente la presenza dell’energia elettrica. È importante sottolineare che il rapporto di distanza tra la telecamera ed il DVR non deve essere eccessiva; è comunque possibile avere l’ausilio di ripetitori d’onde capaci di abbattere le distanze.

Se l’obiettivo è quello di controllare con la videosorveglianza un ufficio o un magazzino, e al contempo non si intende spendere troppo o si verificano problemi tecnici per quanto riguarda il cablaggio, gli impianti wireless risultano l’ideale. La spesa è sostenibile e spesso si riesce ad evitare il costo dell’installazione seguendo il manuale senza l’ausilio di un tecnico specializzato per il posizionamento delle telecamere. Un impianto medio, per esempio, può non superare i 350 euro di materiale. L’obiettivo di questi impianti è quello di rendere tutto più semplice anche grazie all’uso immediato della rete internet: il DVR dell’impianto sarà infatti capace di inviare i dati in maniera tempestiva; tutte le immagini potranno essere indirizzate via e-mail ecc..

Ciò che cambia in ogni kit è la telecamera. Esistono, infatti, diversi tipologie di videocamere: di tipo IP (Internet Protocol) che si possono collegare autonomamente ad un router ADSL sempre attraverso il sistema wireless; è anche vero che possono essere “riciclate”, in vista di problematicità sulla rete senza fili, in tradizionali telecamere a cavo tramite l’entrata RCA di cui tutte sono dotate.

È importante che le videocamere siano rotanti, ossia in grado di creare un angolo di 180 gradi ed uno di 90: inoltre tutte offrono la visione notturna, mentre alcune, grazie alla presenza di infrarossi, sono in grado di riprendere con maggior nitidezza nel risultato. Le telecamere sono inoltre dotate di una scheda MICROSD che memorizza i dati; le immagini vengono dunque immagazzinate dal DVR connesso all’hard disk per conservare quanto ripreso e ad un monitor o ad una televisione o ad un pc ad uso esclusivo per la videosorveglianza.

Attenzione all’esistenza di strutture che possano schermare la trasmissione dei dati: in questo particolare caso si renderà necessario dotarsi di ulteriori ripetitori di onde. Infine risulta importante ribadire che la presenza di un impianto di videosorveglianza va necessariamente comunicata presso l’ufficio della Questura del territorio di riferimento, soprattutto se esso immagazzina immagini riprese in una via pubblica.

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén