il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Category: videosorveglianza (Page 1 of 33)

Quali sono le migliori telecamere da esterno a batteria?

Quali sono le migliori telecamere da esterno a batteria? Sicuramente in molti si saranno posti questa domanda quando hanno avuto la necessità di scegliere un sistema di videosorveglianza per un’abitazione o per un luogo di lavoro. Uno dei fattori assolutamente da non trascurare nel momento in cui si sceglie un impianto di videosorveglianza è quello relativo alla batteria. Esistono infatti delle telecamere molto utili che hanno a disposizione dei dispositivi interessanti capaci di immagazzinare l’energia che serve a rendere più lungo il periodo di utilizzo della telecamera stessa. Vediamo come funzionano e cosa c’è da sapere a questo proposito.

Le tipologie di batterie

Nel momento in cui si sceglie tra le migliori telecamere da esterno a batteria, è sempre fondamentale essere a conoscenza di tutti i dettagli relativi al sistema di carica che questi dispositivi possiedono.

Quando si procede con l’acquisto di un prodotto del genere, infatti, bisogna sapere tutti i dettagli in relazione al modello di batteria che presenta, alla capacità e alla tensione, degli aspetti davvero essenziali per sapere come funziona un sistema di videosorveglianza con telecamere da esterno a batteria.

Esistono infatti ad esempio le batterie al litio, che sono quelle capaci di dare una maggiore energia alla telecamera. Queste batterie sono molto vantaggiose anche perché non richiedono una grande manutenzione.

La tensione e la capacità

Un altro aspetto assolutamente da considerare è quello della capacità. Si tratta di un elemento che indica la quantità di energia che può essere immagazzinata all’interno della batteria stessa. Questo valore viene misurato in mAh e a volte può essere indicato anche con la dicitura Wh.

Parliamo poi anche della tensione, uno degli elementi principali che dobbiamo conoscere se vogliamo sapere come funziona una telecamera da esterno. Ci sono differenti valori di questo tipo e per scoprire il livello di tensione che nello specifico dovrebbe possedere una batteria possiamo considerare la capacità e le caratteristiche di una batteria al litio. La maggior parte di queste batterie ha una tensione di 3,6 V.

In ogni caso è sempre bene considerare tutte queste peculiarità per avere a disposizione un impianto di videosorveglianza efficiente e capace di funzionare al meglio nel rispetto della sicurezza del luogo che vogliamo monitorare ogni giorno.

Posizionamento delle telecamere di videosorveglianza: cosa fare

Alcuni si chiedono quale sia il giusto posizionamento delle telecamere di videosorveglianza. Ovvero si tratta di capire quale sia la posizione migliore, che possa fare la differenza in termini di protezione della casa. In fin dei conti non bisogna sottovalutare questo elemento, che può essere veramente determinante, considerando anche che le telecamere sono sempre più diffuse in collegamento con un sistema di antifurto.

La posizione più adatta per la telecamera

Ci sono alcuni punti che devono essere principalmente oggetto di attenzione e di osservazione. Sia che tu disponga di una telecamera di videosorveglianza professionale, sia che ti avvalga di una IP camera, devi chiederti sempre da dove possono entrare i ladri nella tua abitazione.

In genere gli esperti consigliano di installare la telecamera di fronte alla porta di accesso o vicino alle finestre. Ricordati che le aree più vulnerabili per la tua casa, in termini di intrusione da parte dei malintenzionati, possono essere costituite dalla porta principale o dalle finestre al primo piano.

Quindi una soluzione molto utile potrebbe consistere nell’installare la telecamera sopra la finestra o sopra la porta, rivolgendo l’obiettivo del dispositivo verso il basso. In questo modo si può riprendere direttamente l’eventuale ladro quando entra in casa.

Se posizioniamo la telecamera di fronte alla porta di ingresso, possiamo avere a disposizione immagini che si riferiscono ad uno spazio molto ampio.

I fattori da considerare: raggio di azione e altezza

In ogni caso, qualunque sia la posizione scelta per l’installazione della tua telecamera di videosorveglianza, si devono tenere conto alcune caratteristiche importanti.

Innanzitutto si deve comprendere quale sia il raggio di copertura della telecamera stessa. In genere per le stanze piccole bastano anche delle videocamere con un raggio ristretto. È chiaro che per uno spazio ampio serve una telecamera in grado di osservare delle zone piuttosto larghe.

Un fattore che può fare la differenza è costituito anche dall’altezza. Sia per quanto riguarda l’installazione della telecamera all’interno che all’esterno dell’abitazione, è necessario che questi dispositivi siano posizionati in alto.

Se troppo in basso, un ladro potrebbe anche manometterla ed entrare indisturbato. L’altezza è sicuramente una garanzia in più. Inoltre ricordiamoci sempre di mettere la telecamera in bella vista, perché possa fungere anche da deterrente nei confronti dei ladri.

Siqura JX antifurto, videosorveglianza e domotica in un’unica APP

Ottime notizie per chi ha intenzione di installare un sistema di sicurezza. Casasicura.it ha presentato la nuova centrale Siqura JX, un antifurto di ultima generazione dotato di tecnologie molto sofisticate ma tuttavia facilissimo da installare e da utilizzare.

Casasicura ha sempre proposto sistemi di sicurezza all’avanguardia, mettendo al servizio dei propri clienti oltre 15 anni di esperienza specializzata sui sistemi antifurto senza fili e videosorveglianza, ma con Siqura JX si sono superate le attese, con un prodotto estremamente innovativo.

La prima importante novità riguarda la copertura radio, che diventa praticamente illimitata grazie alla nuovissima tecnologia “frequenze infinity”. Installando dispositivi compatibili con questa tecnologia la copertura può diventare realmente illimitata, si possono installare sensori in qualsiasi parte del mondo e controllare tutto il sistema con una unica APP.

E la APP di gestione rappresenta la seconda novità importante. Tramite Siqura JX si può realizzare un sistema unico, con dispositivi installati ovunque, tutti gestibili attraverso l’utilizzo di una unica APP. E non si parla solo di antifurto. Con frequenze infinity si può integrare nel sistema anche la videosorveglianza e se si volesse anche la domotica, con una APP di gestione completa e ricca di nuove funzionalità.

Con Siqura JX si ha innanzitutto un sistema di allarme senza fili, multifrequenza e con protezione dai tentativi di accecamento radio (antijamming). Nella centrale sono integrati sia il combinatore gsm che il wifi, quindi si hanno a disposizione più canali di comunicazione e interfacciamento per la gestione da remoto, a garanzia di maggiore robustezza e affidabilità per le comunicazioni tra utente e sistema. Siqura JX è un sistema supervisionato, vuol dire che anche per una semplice sostituzione batteria di qualche componente si riceve comunque una segnalazione con avviso, notifica e/o sms.

Volendo spiegare meglio cosa si riesce a fare con la tecnologia “frequenze infinity” basta considerare una delle domande più comuni che fa chi vuole installare un antifurto: è possibile avere una sola centrale per gestire più abitazioni o locali commerciali?

Con Siqura JX e la tecnologia “frequenze infinity” la risposta è affermativa. Se si volesse collegare in un unico sistema l’appartamento in città e la casa al mare, oppure la villa in campagna e il negozio in centro, Casasicura ha la soluzione per qualsiasi necessità. Con l’innovativa tecnologia “frequenze infinity” si possono installare dispositivi compatibili in luoghi diversi e anche se sono distanti tra loro migliaia di chilometri è possibile integrare tutto in un unico sistema e gestire tutto con una unica APP.

La scelta non si limita ai soli sensori e accessori per l’antifurto ma l’offerta di Casasicura prevede tutta una serie di dispositivi compatibili con JX. Chi volesse integrare all’antifurto anche telecamere di videosorveglianza, e magari anche il controllo domotico, finalmente ha la possibilità di realizzare il sistema che desidera senza dover pensare ad impianti separati e a sistemi diversi da gestire con APP diverse: utilizzando Siqura JX ed i dispositivi compatibili con la tecnologia infinity basta installare una sola APP per gestire tutto.

Con i sistemi di Casasicura si può fare tutto autonomamente, con un fai da te, non si ha bisogno di un installatore a domicilio. Grazie ad un catalogo completo ed al supporto dei tecnici di Casasicura per la preconfigurazione dell’impianto, si riesce ad installare il sistema da soli. Che siano sensori e accessori dell’antifurto come perimetrali, volumetrici, contatti o sensori vibrazione, barriere o sensori tenda, tastiere o chiavi elettroniche, sirene o lettori impronte, qualsiasi dispositivo è facilmente installabile, e per tutte le tipologie c’è la scelta tra sensori wireless oppure a filo.

Le centrali Casasicura sono certificate e predisposte anche per il collegamento a forze dell’ordine oppure a istituti di vigilanza, e per i sistemi a filo c’è compatibilità anche con dispositivi di altro produttore.

Siqura JX si può utilizzare anche se non fosse presente internet, perchè la centralina è dotata di combinatore GSM, basta utilizzare una sim card, e si possono ricevere le segnalazioni di allarme e le notifiche di sistema, inoltre è facile anche gestire telefonicamente le funzioni principali con chiamata vocale oppure con SMS.

Anche per la scelta delle telecamere di videosorveglianza il catalogo è ampio e ben assortito. Ci sono telecamere di ogni tipo, per uso interno o esterno, telecamere a corrente o a batteria; anche dove non c’è né internet e né corrente Casasicura offre soluzioni pronte all’uso con telecamere con alimentazione solare e router 4G.

Per chi è già cliente Casasicura inoltre, con Siqura JX ha anche la certezza di una migliore compatibilità con i sistemi che fossero stati installati in precedenza, sia singola frequenza che frequenza mutlipla (doppia, tripla e quadrupla frequenza) tutto a vantaggio di una maggiore integrazione dei sistemi e facilità di gestione con la APP.

Siqura JX è anche compatibile con Google Home, Alexa, IFTTT, Siri e questo apre ulteriori scenari e idealmente infinite possibilità di personalizzazione e controllo sia degli impianti antifurto, videosorveglianza, ma anche degli impianti domotici, fino ad arrivare al controllo delle automazioni presenti nei locali interni o all’esterno dell’immobile.

Se si utilizzano dispositivi compatibili con JX, con una unica APP si possono gestire i sensori installati nell’appartamento e nella casa in montagna, si possono visualizzare le immagini delle telecamere, e addirittura controllare l’impianto di irrigazione del giardino o l’apertura della basculante del garage.

Con “frequenze infinity” e utilizzando dispositivi compatibili con tale tecnologia, non è più un problema se i locali che si volessero controllare e proteggere sono distanti tra loro anche centinaia di chilometri, perchè si può realizzare un unico sistema controllabile e gestibile con una sola APP. Che si tratti del garage o della cantina sotto casa, oppure dell’ufficio o del negozio, con una sola centrale Siqura JX e i dispositivi associabili si può realizzare un impianto completo, con sensori e accessori tutti individuabili singolarmente.

E si possono aggiungere anche altri dispositivi che permettono di controllare impianti di diversa tipologia. Ad esempio, si potrebbero gestire le luci interne ed esterne, controllare gli impianti che regolano la temperatura o la climatizzazione (accensione/spegnimento caldaia, climatizzatore), ma anche attivare l’impianto di irrigazione, chiudere le tapparelle, verificare se il frigorifero è in funzione. Le possibilità di personalizzazione sono realmente infinite, e facilmente configurabili in pochi semplici passi.

La potenza e l’utilità di queste nuove tecnologie sta anche nella possibilità di rendere le procedure automatiche ed attivabili automaticamente in determinate condizioni. Si potrebbe programmare il sistema di allarme per inserirsi automaticamente quando nessuno è in casa e disattivarlo quando qualche componente della famiglia rientra, e senza utilizzare telecomandi o altro, in maniera automatica. Si potrebbe programmare il sistema in modo tale che l’allarme, ad esempio, si attivi in modalità parziale (modalità “in casa”) al tramonto; oppure far disattivare automaticamente alcuni sensori quando arriva la donna delle pulizie.

Ed ancora. Si potrebbe far chiudere automaticamente una elettrovalvola in caso di fughe di gas o acqua. Si potrebbe far accendere automaticamente le luci della sala e la tv in caso scattasse l’allarme, come deterrente per i ladri, oppure far attivare il nebbiogeno in garage. Le possibilità sono veramente tante, non c’è limite a ciò che si potrebbe realizzare ed in maniera molto facile ed agevole.

Siqura JX non è solo il miglior sistema antifurto di Casasicura, è uno dei sistemi più innovativi presenti sul mercato ed è progettato per qualsiasi necessità ed alla portata di qualsiasi utente. Soprattutto per chi volesse installare autonomamente l’antifurto, senza l’intervento di un tecnico specializzato, il sistema Siqura JX è semplice da installare, viene consegnato già preconfigurato e pronto all’uso, facile da gestire. Basta posizionare centrali e sensori, e qualsiasi dispositivo compatibile, anche in locali distanti tra loro migliaia di chilometri, e il tutto è controllabile attraverso una unica APP.

Siqura JX ha wifi integrato e combinatore gsm integrato per utilizzo con sim (è un sistema predisposto per 3G/4G e 5G ready) e può essere utilizzato anche senza internet. Quindi se non c’è internet, o se non si volesse utilizzare il wifi esistente, tramite il combinatore gsm la centrale comunque invia le segnalazioni di allarme con SMS e chiamate vocali, e telefonicamente si ha la possibilità di gestire le principali funzioni dell’antifurto.

Se si volesse installare un sistema antifurto moderno e tecnologicamente avanzato ma allo stesso tempo funzionale e semplice da usare, Siqura JX rappresenta la scelta migliore. E’ una centrale antifurto che da massima garanzia di affidabilità e sicurezza, integrabile con videosorveglianza, domotica e automazioni, espandibile a piacimento. Unica APP di gestione e compatibilità con Google Home, Alexa, IFTTT.

Videosorveglianza con SIM: le telecamere 3G, 4G e 5G

Come scegliere un sistema di videosorveglianza con SIM? Esistono diverse tipologie di telecamere che sfruttano la connettività 3G, 4G e 5G e si configurano come dei moderni sistemi interessanti per proteggere alcuni luoghi. È bene dire, infatti, che in genere gli ultimi modelli di telecamere in commercio mettono a disposizione un controllo da remoto attraverso una connessione alla rete. Quando però non c’è una buona connessione che possa essere sfruttata quotidianamente, bisogna orientarsi verso altre soluzioni. È per questo che ci vengono in aiuto le telecamere di videosorveglianza con SIM. Vediamo come funzionano.

Le caratteristiche della videosorveglianza con SIM

Le telecamere di videosorveglianza con SIM funzionano in maniera simile a quanto accade per un telefono cellulare. Grazie alla scheda SIM, infatti, la telecamera posta in un luogo per registrare ciò che accade può inviare i dati alla rete attraverso l’apposita copertura presente in zona.

Le schede in questione sono generalmente le stesse che vengono usate per il traffico dati. È possibile utilizzare qualsiasi tipologia di scheda SIM, anche le prepagate oppure quelle che vengono attivate tramite la presenza di un contratto.

Naturalmente è sempre opportuno tenere sotto controllo i giga che si hanno a disposizione e di cui si può usufruire per il controllo di una determinata area con una telecamera con SIM. I giga vengono consumati tenendo conto di quando viene effettuato il controllo da remoto, che consente di accedere alla telecamera stessa.

Come funzionano le telecamere con SIM

Una telecamera di videosorveglianza con la SIM ha un funzionamento simile a quello che può riguardare ad esempio una webcam che è collegata alla rete internet di casa. Bisogna però tenere conto del fatto che è necessaria una copertura apposita con la rete 3G, 4G o anche 5G, per permettere alla telecamera di funzionare nel modo corretto.

Ad esempio esistono dei modelli molto interessanti che hanno a disposizione un’integrazione con dei sensori di movimento, capaci di attivare il sistema esclusivamente nel momento in cui vengono evidenziati dei movimenti nell’area coperta dalla telecamera stessa.

È possibile quindi ad esempio attivare un sistema di notifiche che consentono di visualizzare sullo smartphone gli avvisi relativi a ciò che sta accadendo in una determinata area da sorvegliare.

A volte è possibile anche collegare più telecamere, per avere a disposizione dei veri e propri sistemi completi capaci di ampliare il raggio d’azione della videosorveglianza con SIM.

I migliori allarmi casa scontati: coupon ed offerte sullo store casa sicura

Segnaliamo l’ultima interessante offerta di casasicura.it sia per quanto riguarda i sistemi antifurto che per le telecamere di videosorveglianza. La promozione consente di avere numerosi ed importanti omaggi (telecamere, sensori, sirene, accessori vari) nonché sconti in denaro.

L’offerta non richiede l’inserimento di un coupon specifico ma basta seguire le indicazioni fornite ed aggiungere il materiale che si desidera nel carrello della spesa.

Inoltre, alcuni prodotti sono già scontati direttamente e i prezzi attuali sono i migliori di sempre.

Per maggiori dettagli sugli sconti disponibili, sulle promozioni, per chiedere un preventivo o per ordinare suggeriamo di contattare direttamente Casa Sicura al telefono, via email o via messaggi whatsapp 3311489789

L’indirizzo del sito è www.casasicura.it.

Telecamere e rilevazione del movimento: l’annoso problema delle segnalazioni indesiderate

Riceviamo molte segnalazioni relative all’eccessiva (o insufficiente) sensibilità delle funzioni di rilevazione del movimento delle telecamere, soprattutto quando installate all’esterno.

Queste segnalazioni, ritenute dei “falsi allarmi“, sono in realtà la naturale conseguenza dei limiti della tecnologia della maggior parte delle telecamere che si limitano ad esaminare i fotogrammi e a stabilire se c’è stato un movimento comparandoli. E per “movimento” si intende qualsiasi differenza che potrebbe insorgere fra fotogrammi. Non è una questione di prodotti economici o costosi ma di tecnologia utilizzata che, fino a pochi mesi fa, non consentiva grosse soluzioni.

La regolazione della sensibilità generalmente non risolve la problematica perchè le perturbazioni esterne sono tali da rendere sconveniente la rilevazione del movimento in ambienti completamente aperti. Solitamente in tali casi, si preferisce disattivare tale funzione perchè il numero di notifiche che si riceve è assolutamente ingestibile.

Vento, pioggia, alberi, foglie, animali, insetti, cambi di luce, ragnatele sull’obiettivo generano fatalmente delle segnalazioni del tutto normali ma difficili da gestire. Infatti pensiamo ad un insetto, anche minuscolo, che passi davanti all’obiettivo: la telecamera non è in grado di riconoscere se si tratti di un oggetto vicino o lontano e genera un evento.

Alcune telecamere, per ovviare a queste problematiche, hanno introdotto un livello di sensibilità (basso) tale che tende a rilevare soltanto oggetti molto grandi e quindi spesso non vi è alcuna rilevazione. Perchè si passa da un numero spropositato di segnalazioni o un numero insufficiente…

Non c’è molto da fare o meglio non c’èra… Infatti solo da qualche mese sono state introdotte nuove tecnologie che consentono di meglio discriminare gli eventi desiderabili (spostamento di auto, persone) da quelli indesiderati. In particolare la tecnologia AI ovvero Intelligenza Artificiale.

Gli eventi vengono esaminati e prima di generare un evento, vengono processati e verificati se siano lodevoli di segnalazione. Tali funzioni, unitamente alla limitazione della zona della rilevazione, hanno aumentato di molto la qualità delle segnalazioni con un salto tecnologico davvero notevole.

Torneremo a breve per meglio dettagliare queste tecnologie.

Gestione fase 2: Telecamere termiche utili per la verifica della temperatura corporea

Entro qualche giorno sarà definito il piano per la gestione della fase 2 dell’emergenza  e saranno definiti gli ultimi dettagli sulle modalità di ripresa delle attività.

Intanto sono già chiari i punti più importanti su cui si basa la strategia di contrasto alla diffusione del virus. Tra questi, notevole importanza viene attribuita al controllo della circolazione delle persone con sistemi di rilevamento della temperatura corporea mediante tecnologia infrarossi.

Termoscanner e telecamere termiche (o termografiche) dovranno essere impiegate per il controllo di persone in transito nei punti di accesso di edifici pubblici e privati al fine di rilevare individui con temperatura alta e che quindi potrebbero avere febbre, uno dei sintomi del virus.

I termoscanner vengono ampiamente utilizzati ma richiedono l’impiego di un operatore addetto alla misurazione manuale della temperatura.

Le attuali telecamere termiche invece possono funzionare autonomamente e, rispetto alle normali termocamere, utilizzano tecnologie innovative con sensore ottico per il rilevamento del volto che unito al rilevamento bispectrum del sensore termicoconsente di effettuare una misurazione della temperatura corporea della persona inquadrata.

Le migliori marche del settore come Axis, Flir, Bosch, Hikvision, Dahua dispongono di queste tecnologie e propongono diversi modelli con diverse fasce di prezzo.

Un prodotto professionale e con un prezzo decisamente competitivo è fornito anche da Casasicura, azienda leader del settore della sicurezza.

La telecamera termica di Casasicura consente di realizzare un punto di controllo totalmente autonomo e automatizzato per la misurazione della temperatura corporea delle persone di passaggio nell’area inquadrata.

La procedura di controllo è estremamente veloce, la misurazione è effettuata in soli 0,5 secondi: la telecamera rileva il volto della persona inquadrata, ne determina la temperatura con l’analisi termografica, comunica il risultato su display e con messaggio vocale

Quando la temperatura corporea rilevata eccede i 37.3°C la telecamera genera un allarme istantaneo e l’evento viene segnalato con una notifica push su eventuali dispositivi ad essa collegati (ad esempio una TV).

Il vantaggio notevole sta nella totale autonomia di funzionamento e nell’affidabilità della misurazione (la misurazione ha una accuratezza di +- 0,3°C) e nella possibilità di collegare a qualsiasi dispositivo senza necessità di connessione internet.

Infatti nella telecamera è integrato anche un hot spot wifi e quindi è facile associare smartphone e tablet su cui ricevere le segnalazioni di rilevamento; sempre tramite APP è possibile gestire e personalizzare le funzioni principali.

Il prodotto è certificato e rappresenta una ottima soluzione per adeguarsi alle nuove normative e garantire lo svolgimento delle operazioni di controllo in totale sicurezza anche per il personale addetto.

Page 1 of 33

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén