il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Category: Varie (Page 1 of 12)

Telecamere e grado di protezione

Nelle telecamere per uso esterno, com’è facilmente intuibile, è molto importante il loro grado di protezione rispetto agli agenti atmosferici e a tutti i fattori di disturbo. Per questa ragione, ogni telecamera dispone di una sigla, IPXX, che quantifica il grado di protezione del dispositivo. Nel dettaglio, il primo numero sta ad indicare la sua resistenza ai corpi solidi – come urti, colpi, ecc – mentre il secondo indica la sua impermeabilità ai liquidi.

Il primo numero, quello sulla resistenza ai colpi, può variare da 0 a 6 e indica i seguenti gradi di protezione:

  • 0 – non protetto;
  • 1 – protetto da oggetti solidi di dimensione superiore a 50 mm e accessibili con il dorso della mano;
  • 2 – protetto da oggetti solidi di dimensioni superiori a 12 mm e accessibili con un dito;
  • 3 – protetto da oggetti solidi di dimensioni superiori a 2,5 mm e accessibili con un attrezzo;
  • 4 – protetto da oggetti solidi di dimensioni superiori a 1 mm e dall’accesso con fili;
  • 5 – protetto dalla polvere e dall’accesso con fili;
  • 6 – totalmente protetto.

Mentre, per quanto riguarda l’impermeabilità ai liquidi, il grado di protezione è dato da numeri che possono andare da 0 a 8:

  • 0 – non protetto;
  • 1 – protetto dalla caduta verticale di gocce d’acqua;
  • 2 – protetto dalle gocce che cadono con inclinazione massima di 15°;
  • 3 – protetto dalla pioggia;
  • 4 – protetto dagli spruzzi d’acqua;
  • 5 – protetto dai getti d’acqua;
  • 6 – protetto dalle ondate d’acqua;
  • 7 – protetto dagli effetti d’immersione in un liquido;
  • 8 – protetto dagli effetti della sommersione in un liquido.

Per questo, possiamo dire che gli apparecchi con grado di protezione che va da IP65 a salire hanno un’ottima resistenza negli ambienti esterni. Si tratta, quindi, di prodotti di buona qualità e affidabilità. Prima di accingervi ad acquistare un dispositivo di questo genere, informatevi bene su questi aspetti. Una buona resistenza ai vari fattori di disturbo è un aspetto fondamentale nelle fotocamere di uso esterno. Una scarsa resistenza mettere in pericolo la sicurezza della vostra casa o azienda e, quindi, anche la vostra sicurezza personale.

Quale telecamera scegliere per la sorveglianza?

La videosorveglianza è diventata un aspetto assolutamente prioritario nei sistemi di sicurezza per la casa, uffici o aziende. Infatti, è molto importante avere la possibilità di controllare i propri beni 24 ore su 24, perché ci fa stare tranquilli e sentire al sicuro. Nel corso del tempo, grazie alla tecnologia sempre più sviluppata, i costi della videosorveglianza sono sempre più bassi e ora è alla portata di tutti. Quindi, approfittiamone! Il componente principale di ogni sistema di sorveglianza è rappresentato dalla telecamera. Per questa ragione, non possiamo non chiederci: qual è la telecamera da scegliere per l’allarme di casa o ufficio?

Telecamera Dome o Bullet?

Attualmente, sono due le tipologie di telecamere di videosorveglianza maggiormente diffuse. Parliamo delle DOME e delle BULLET. Nate entrambe più o meno contemporaneamente circa dieci anni fa, le prime sono a forma sferica, come una cupola, mentre le seconde somigliano ad un proiettile da cui prendono il nome: bullet in inglese significa proprio proiettile.

Qual è la principale differenza tra le due? Proprio la forma. Entrambe hanno gli stessi componenti: un sensore CCD, lenti, scocca, luce infrarossi e sistema di motorizzazione se previsti.

In altre parole, la scelta dipende da voi. Se avete intenzione di appenderle al soffitto, le Dome, grazie alla loro forma sferica, si prestano meglio. Al contrario, le Bullet sono perfette poste su una parete, anche se è un giudizio abbastanza soggettivo. Prima di scegliere, confrontate bene le varie caratteristiche della telecamera in sé per sé.

Le caratteristiche

Che angolo deve coprire? Scegliete quella con la lente giusta. Con quale luce deve lavorare? Se è scarsa, optate per una molto sensibile oppure dotata di raggi infrarossi per l’illuminazione notturna. La telecamera verrà posta all’esterno o all’interno? Nel primo caso, prendete una con un grado di protezione agli agenti atmosferici alto e scocca esterna. A quale distanza deve arrivare la telecamera? Scegliete quella che riesce a mettere a fuoco secondo la distanza desiderata. In altre parole, riflettete bene su quello che vi serve e fate presenti queste indicazioni al fornitore o installatore.

Infine, state attenti al luogo in cui le collocate. Quelle con raggio ad infrarossi sono assolutamente incompatibile con le superfici riflettenti, quindi montatele lontane da specchi o altre cose che possono far rimbalzare i raggi. I riflessi rovinerebbero la visione dell’immagine.

PoE: una nuova tecnologia

PoE, l’acronimo di Power Over Ethernet, è una tecnologia all’avanguardia nota a tutti coloro che sono a contatto con le reti LAN. La tecnologia si è sviluppata a tal punto che al giorno d’oggi i PoE possono trovarsi direttamente integrati in alcune modelli di telecamera IP per la videosorveglianza. Queste telecamere, grazie ad un solo cavo ethernet, generalmente impiegato per l’internet ADSL, riescono ad assicurare l’alimentazione ed il segnale video.

Perché utilizzare la tecnologia PoE?

Per collegare alla rete i dispositivi, sono necessari almeno due tipi diversi di cavi: il cavo Ethernet, per il trasferimento dei dati, ed il cavo di alimentazione, necessario per installarli tramite la presa di corrente. Grazie all’utilizzo di questa tecnologia all’avanguardia, i dispositivi di rete, soprattutto le videocamere IP e le stampanti, hanno la certezza di poter contare su un’elevata flessibilità d’installazione.

Tra i vari strumenti di videosorveglianza muniti di alimentazione PoE, le telecamere hanno certamente un ruolo di primo piano. Non si può dire la stessa cosa per i NVR, dato che non riescono a supportare questa alimentazione. Attenzione solo ad un aspetto: al momento del cablaggio e dell’alimentazione del sistema di videosorveglianza con un solo cavo ethernet, occhio alle distanze, non esagerare!

Non possiamo, però, non sottolineare un fattore importante: l’integrazione con i PoE viene effettuata utilizzando apparati esterni, che purtroppo hanno la caratteristica di avere un prezzo decisamente elevato.

I vantaggi della tecnologia PoE.

Quali sono i vantaggi di questa tecnologia? Innanzitutto, i costi di infrastruttura e di installazione diminuiscono drasticamente. Questo avviene perché non c’è bisogno né di prese elettriche addizionali né tanto meno di adattatori di corrente. Un unico cavo al posto di due. Per quanto gli edifici meno recenti e non adeguati per le infrastrutture di rete di ultima generazione, le barriere ambientali possono essere tranquillamente superate grazie alla semplicità di installazione dei collegamenti. Negli edifici più moderni, non occorrono interventi sulla rete elettrica per il semplice motivo che ci si affida all’infrastruttura IT già esistente con l’integrazione delle varie periferiche.

Altri aspetti a favore della tecnologia PoE possiamo trovarli nella maggiore estensione della rete wireless e cablata,. È, inoltre, più affidabile, grazie all’opzione RPS (Redundant Power Supply) che assicura il corretto funzionamento dei dispositivi anche a fronte di interruzione dell’erogazione di elettricità, un aspetto centrale nella videosorveglianza H 24. Questa opzione garantisce anche un controllo centralizzato, di vitale importanza per porre fine agli sprechi di energia.

Certo, il PoE ha dei limiti tecnici: a fronte dell’eliminazione della connessione PoE, si registra l’interruzione della connessione. Separare i connettori maschi e femmina causa poi bruciature sui contatti ed un accorciamento della durata di vita delle sue varie componenti.

Formati di compressione di immagine e video

I metodi di compressione di video e di immagini in generale si dividono in due modalità:

  • senza perdita, o lossless: quando non vi sono modifiche ai pixel e viene riprodotta la stessa immagine anche dopo la decompressione;
  • con perdita, o lossy: quando viene tutto ciò che non è visibile all’occhio umano.

Le modalità, inoltre, si differenziano anche in base agli standard di compressione dei video e dei fotogrammi.

Compressione dei fotogrammi

JPEG

Il JPEG è sicuramente uno dei formati più conosciuti, nato negli anni ‘80 dal Joint Photographic Experts Group. Permette di visualizzare i contenuti direttamente nei browser web. Questo formato ti fa scegliere il livello di compressione desiderato, dal quale dipende la qualità dell’immagine.

JPEG2000

Anche questo formato è nato dal Joint Photographic Experts Group e viene utilizzato soprattutto per i fotogrammi in ambito medico. Quando la compressione ha valori alti, la qualità supera quella dei JPEG. Altrimenti, in tutti gli altri casi i due formati sono molto simili tra loro. Ha un grande svantaggio: non può essere visualizzato nei browser web.

Compressione dei video

Motion JPEG

Questo formato viene soprattutto usato dai sistemi video di rete. Le videocamere acquisiscono immagine per immagine e le comprimono in formato JPEG, fino a 30 immagini al secondo. Le immagini vengono trasmesse a flusso continuo alla postazione di visualizzazione e, se il flusso è pari o superiore a 16 fotogrammi al secondo, le immagini vengono recepite come un video full motion. Per questo viene chiamato Motion JPEG. La qualità del video dipende dal livello di compressione scelto.

H.263

Si tratta del formato in grado di trasmettere i video a una velocità in bit fissa. Questo è dovuto a fatto che il formato è stato ideato per le teleconferenze e non per la videosorveglianza. Nel campo della videosorveglianza il dettaglio è più importante della velocità di trasmissione.

MPEG

Per MPEG, Motion Picture Experts Group, intendiamo una tecnologia di streaming audio e video. Questa tecnologia si basa sul confronto di due immagini compresse da trasmettere in rete. La prima immagine diventa fotogramma di riferimento per quelle successive e vengono inviate in rete solo quelle diverse dalla prima. Nonostante sembri complicato, questa tecnologia riesce a ridurre di molto i volumi dei dati tramessi. Esistono diversi tipi di MPEG:

MPEG-1: è il formato comunemente usato per archiviare video digitali sui CD-ROM. I codificatori e decodificatori MPEG-1 possono gestire una velocità di trasmissione di circa 1,5 Mbit al secondo, con risoluzione CIF. Se la trasmissione in bit è costante, la stessa cosa non si può dire per la qualità dell’immagine che è simile a quella dei VHS. La velocità non va oltre i 25/30 fotogrammi al secondo.

MPEG-2: è il formato utilizzato nei video digitali di alta qualità, nei televisori via cavo, nei supporti di archiviazione interattivi, ecc. Anche in questo caso, la velocità non va oltre i 25/30 fotogrammi al secondo.

MPEG-4: questo formato, rispetto ai precedenti, offre molti più strumenti per ridurre la velocità in bit rispetto alla qualità desiderata. Per questa ragione, la velocità non è bloccata, ma il formato non è utilizzabile per le applicazioni in tempo reale.

H.264

Questo formato con ogni probabilità diventerà il più diffuso poiché, soprattutto al settore della videosorveglianza, permette di ridurre i costi di memorizzazione e di migliorare l’efficienza dei sistemi. L’H.264 può essere acquistato con licenza. Un suo codificatore è capace di ridurre dell’80% circa la dimensione dei file digitali.

Questo formato, riducendo le dimensioni dei file, permette di avere un forte impatto anche sui costi di memorizzazione e sulla larghezza di banda. Infatti, un sistema di videosorveglianza, sfruttando il formato H.264, può ridurre questi costi di circa il 50% rispetto a quelli che si servono di altri formati. Anche la risoluzione delle immagini è migliore: è per questo che è sempre più usato anche in altri settori.

DVR e NVR nella videosorveglianza

La maggior parte dei dvr per la videosorveglianza presenti nei kit videosorveglianza professionali attualmente funziona con un sistema operativo embedded Linux con processori Arm. Tuttavia, ogni costruttore si affida ad un proprio software per controllare le registrazioni e le funzionalità del sistema. Attraverso l’utilizzo di linux in, è possibile avere molta flessibilità nello sviluppo della parte del firmare. Inoltre, i costruttori trovano molto semplice creare aggiornamenti per implementare funzionalità e risolvere eventuali problemi. Non solo: anche per l’utente l’aggiornamento del dvr o nvr risulta semplice. Avviene, infatti, prima copiando il nuovo software su una chiavetta usb e poi trasferendolo in modo automatico nell’apparecchio.

Funzionalità dei software

Le funzionalità principali permesse dai software solo le seguenti:

  • Permettono la registrazione in Motion detection. Si tratta della funzione da cui dipende la possibilità di registrare solo se rilevato del movimento, risparmiando così spazio di registrazione e facilitando la ricerca dei filmati
  • Permettono l’invio di Allarmi e-mail. Una volta attivata la funzione motion, il sistema può inviare e-mail in cui è allegato un fotogramma dell’evento
  • Permottono l’archiviazione su unità Nas. Utilizzando la funzione ftp, il dvr o nvr ha la possibilità di eseguire in completa autonomia l’invio dei video registrati ad un server ftp o unità Nas. Ciò permette di avere una seconda copia di emergenza, qualora capitasse che il sistema di videosorveglianza subisse un furto o rapina
  • Permettono il DDNS per ip dinamici. In altre parole, è possibile che il dvr videosorveglianza o nvr registri in modo automatico su un server ddns. In questo modo, si ha la possibilità di utilizzarlo anche con quelle Adsl domestiche che non dispongono di ip statico, ma di un ip dinamico che cambia periodicamente. Questa funzione è particolarmente utilizzata nei kit di videosorveglianza IP
  • Permettono la programmazione della registrazione. È possibile impostare per ogni telecamera la modalità con cui registrare. Quindi, potremo stabilire ogni giorno/ora se il dvr o nvr per la videosorveglianza deve registrare il flusso delle telecamere in modo continuo oppure in modalità motion o non registrare affatto. Questa funzione può essere molto importante perché, se utilizzata a dovere, ci permette di allungare il numero dei giorni di archiviazione
  • Permettono il controllo delle telecamere Speed dome e delle telecamere motorizzate in generale. Queste sono telecamere molto comuni all’interno dei kit di videosorveglianza per esterno
  • Permettono il controllo degli allarmi. Si ha anche la possibilità di integrare apparecchiature e/o sistemi esterni come cancelli, sirene ecc…
  • Permettono l’integrazione del web server. Questo ci dà la completa accessibilità verso il mondo esterno tramite internet.

Orientarsi nel mondo della videosorveglianza

Se la tua sicurezza e quella della tua abitazione acquistano un’importanza fondamentale, i comuni sistemi antifurto non bastano più e bisogna optare per la videosorveglianza. Ma come fare ad orientarsi in questo mondo sconosciuto? Se pensi di non sapere abbastanza del mondo della videosorveglianza, non temere, ti guideremo noi.

Quando utilizzarla

Innanzitutto, a cosa serve? I sistemi antifurto serve ad avvisarci in caso di intrusioni, mentre la videosorveglianza ci permette di riconoscere i ladri, utilizzando video e immagini.

Le telecamere possono catturare le immagini affidandosi a dei sensori CCD, piccoli dispositivi con migliaia di pixel, in grado di trasformare l’energia luminosa in segnali elettrici. Nel mondo della videosorveglianza, le telecamere possono essere di diversi tipi – a colori, in bianco e nero, con alimentazione 220 V o 12 V – ma sono tutte a bassa tensione.

Le telecamere, inoltre, possono essere acquistate sia per utilizzo interno che esterno. Si distinguono principalmente per la custodia, che deve essere più o meno resistente agli agenti atmosferici.

Al fine di ottenere buone riprese, è necessario fare attenzione alle ottiche e agli zoom delle videocamere. È importante, però, anche controllare il livello di illuminazione degli spazi, la presenza di eventuali riflessi di oggetti circostanti, lo spettro emesso dalle sorgenti di luce e la loro distanza dalla telecamera.

Ma quali sono i criteri per scegliere un buon sistema di videosorveglianza?

Il criterio più importante è, prima di tutto, la risoluzione. Per risoluzione intendiamo il numero di linee visualizzabili per distinguere anche i più piccoli particolari; la capacità di ripresa in assenza di luce; la persistenza dell’immagine; il controllo della luminosità; la tipologia di obiettivo.

Per quanto riguarda l’obiettivo, occorre soffermarsi un po’ di più. All’interno del mondo della videosorveglianza, è un elemento dal quale dipende gran parte della sicurezza. In genere, gli obiettivi si compongono di più lenti in grado di raccogliere e focalizzare i raggi luminosi riflessi sulla parte più sensibile della telecamera. Inoltre, si caratterizzano per tre parametri:

  • distanza dal bersaglio;
  • area di focalizzazione;
  • rapporto tra luminosità minima e massima.

Dalla sua tipologia, poi, dipende anche la sua efficienza. La tipologia può essere normale (45°), grandangolo (90°), teleobiettivi (15°-20°).

Elemento rilevante all’interno di una telecamera è anche l’iris, il parametro che regola la profondità del campo e la quantità di luce.

Al giorno d’oggi, gran parte delle telecamere resta analogica, ma sono sempre più comuni dispositivi digitali che si servono di un PC, di un indirizzo IP e di un server per riprendere e far scattare l’allarme in caso di intrusione.

Le telecamere wireless di discreta qualità hanno prezzi contenuti, nonostante riescano a comunicare anche con dispositivi diversi come tablet, pc o smartphone. In questo mondo, i migliori marchi sono Sony, Logitech, Bosh, Panasonic e Axis. Non è impossibile, però, trovare ottimi prodotti con un buon rapporto qualità prezzo anche tra i marchi quelli meno noti e sponsorizzati.

La videosorveglianza negli impianti fotovoltaici

In ogni parte d’Italia, negli ultimi anni, stanno nascendo delle cosiddette “farm” fotovoltaiche. Cosa sono? Parliamo di impianti di panelli fotovoltaici che, dislocati su diversi ettari, raccolgono energia elettrica che viene successivamente venduta. Di solito questi impianti vengono installati in zone rurali o comunque difficilmente raggiungibili. Questo, però, spesso causa problemi: dato l’isolamento, non è raro che si verifichi che alcuni pannelli vengano rubati o i quadri elettrici vengano danneggiati. Questi malintenzionati, vista la posizione, possono agire praticamente indisturbati. In un contesto del genere un impianto di videosorveglianza si rende praticamente necessario. Per questo, negli ultimi anni, tutti i siti fotovoltaici sorti sono stati dotati sin dall’inizio di un sistema a circuito chiuso per un monitoraggio continuativo.

RIVOLGETEVI A PROFESSIONISTI

Come fare per creare un sistema valido con il quale garantire la sicurezza del proprio sito fotovoltaico? Ora vi spieghiamo come. Purtroppo dobbiamo partire dicendo che il fai da te in questa situazione non è assolutamente consigliabile per una lunga serie di motivi. Sappiamo anche noi molto bene che fare le cose da sé può portare ad un grande vantaggio economico. Tuttavia, in questa circostanza anche un costo leggermente più elevato, dovuto all’affidare i lavori ad un team di professionisti, può significare un grandissimo vantaggio a lungo termine. Non si può ignorare, infatti, che l’area da proteggere è nella maggior parte dei casi estremamente vasta in cui possono esserci numerose variabili ambientali da prendere in considerazione.

Infine, una soluzione fai da te potrebbe rivelarsi non idonea e, quindi, portare a dei costi di correzione così notevolmente più alti tali da giustificare la scelta di affidarsi a dei professionisti. Professionisti che saranno perfettamente in grado di studiare la progettazione e la messa in funzione dell’impianto di videosorveglianza.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NELLO SPECIFICO

Analizziamo ora più nello specifico tutte le variabili che entrano in gioco quando si predispone un impianto di videosorveglianza in un sito fotovoltaico. In primo luogo, va detto che questi impianti sono posti all’aperto e, pertanto, le telecamere vengono esposte alle intemperie. Per questo, a seconda della zona climatica in cui si trova l’impianto, bisogna programmare tutte le dovute precauzioni al fine di evitare che, ad esempio, nebbia e neve rendano completamente inutili ed inefficaci le telecamere.

Essendo enorme area da coprire, è necessario porsi altre riflessioni. Infatti, si rendono necessarie delle telecamere capaci di coprire un ampio raggio. Altrettanto necessario, poi, è un impianto di illuminazione in grado di ridurre le zone d’ombra in cui queste risultano inutilizzabili. Tra le variabili che possono incidere, vi sono anche quella dell’alimentazione delle telecamere e l’impianto di registrazione dei video. Non sono da sottovalutare neppure le altre problematiche ambientali: non solo il tempo, ma anche lo scavo dei condotti per i cavi e la possibile presenza di animali possono rovinare gli apparecchi elettronici o i cavi.

CONCLUSIONI

Una videosorveglianza continua lungo l’intera giornata è assolutamente indispensabile negli impianti fotovoltaici. Altrettanto importante, però, è affidarsi a esperti in grado di pianificare tutto il lavoro. Gli esperti sapranno affrontare le problematiche che puntualmente emergono nella progettazione di un impianto di questa caratura.

Page 1 of 12

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén