il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Category: Varie (Page 2 of 11)

Videosorveglianza privacy

Al giorno d’oggi porre dei limiti alla tecnologia è quasi impossibile, anche quando si parla di sicurezza. Videosorveglianza e privacy portano molto spesso privati e aziende a non seguire i principi stabiliti dal Garante per la Privacy.¶ Videosorveglianza comprende tutte quei sistemi per l’acquisizione d’immagini relative a persone identificabili in modo continuativo, I privati possono installare un impianto di videosorveglianza ai fini di tutelare persone e beni da possibili intrusioni, aggressioni, furti e rapine in casa. Coloro che usufruiranno di videocamere in aree private non necessitano inoltre di nessuna autorizzazione. Le norme cambiano invece nel caso dell’impiego di sistemi di videosorveglianza usati per riprendere aree pubbliche. Quali sono le leggi vigenti in questo caso?¶Ecco le norme da applicare nel caso dell’installazione di moderni sistemi di videosorveglianza:¶- Cartelli visibili: coloro che transitano nelle aree sorvegliate devono essere informati della presenza di una telecamera. I passanti devono infatti sapere che potrebbero entrare nel raggio di azione del sistema di videosorveglianza.¶ – Chiarezza delle informazioni: i cartelli utilizzati devono inoltre essere visibili quando il sistema è attivo in orario notturno. Se i sistemi impiegati per gli antifurti e per la sicurezza dei privati sono collegati alle forze di polizia, il cartello affisso deve contenere anche questa informazione (sul modello elaborato dal Garante).¶- Informazioni temporanee: i video registrati dal sistema di sorveglianza devono essere conservati per un periodo limitato, ovvero fino a un massimo di 24 ore.¶Se sei intezionato ad acquistare un impianto di allarme fai da te con integrato un sistema di videosorveglianza, dovrai tenere conto delle caratteristiche tecniche del prodotti che vuoi installare a casa tua: ¶- Hardware sistema di videosoverglianza: la scelta dell’impianto deve essere accurata e deve tenere conto delle finalità stesse del sistema di sicurezza. ¶- Impostazioni diritto all’oblio: ogni video presente nell’archivio dell’impianto di videosorveglianza deve essere rimosso entro 24 ore e, per questo motivo il sistema deve essere impostato sulla cancellazione automatica del materiale registrato allo scadere del tempo previsto. Inoltre il proprietario dei file deve proteggere il materiale archiviato da attacchi esterni causati dai pirati informatici.¶- Videocitofoni moderni: possono essere equiparati ai sistemi di videosorveglianza e non devono essere segnalati con un cartello se utilizzati da un singolo oppure da una famiglia con finalità personali.¶Il Garante della Privacy ha messo nero su bianco la possibilità da parte dei privati di installare telecamere – contro possibili aggressioni, furti, rapine, danneggimenti, atti di vandalismo, prevenzione incendi – infatti in questi casi – si possono installare telecamere senza il consenso dei soggetti ripresi, ma sempre sulla base delle prescrizioni indicate dal Garante.¶

Tv come monitor per videosorveglianza

Quanto spesso sentiamo storie di ladri che introducono nelle case rubando di tutto? Ad oggi esistono dei veri e propri professionisti che, come ombre, sono capaci di introdursi nelle nostre case. Proprio per questo il mercato tecnologico, ha sentito l’esigenza di mettere sul mercato un sistema di sicurezza. Così sono nate le tv come monitor per la videosorveglianza.

Cosa sono?
Spesso non tutti hanno la possibilità economica, di installare un sistema di sorveglianza professionale. E’ proprio questo il vantaggio , la possibilità con i monitor per la sorveglianza, di avere un sistema di videosorveglianza fai da te e semplice da utilizzare.
I monitor per la videosorveglianza, sono semplici monitor tv, che collegati ad una rete di telecamere e registratori, sono capaci di sorvegliare una specifica area. Vogliamo sorvegliare il nostro giardino? Basta installare delle telecamere agli angoli delle pareti, collegarle al monitor e il gioco è fatto!
Le tv come monitor per la videosorveglianza, sono semplicissimi da utilizzare, con estrema facilità e semplice istruzioni, si può collegare la telecamera al registratore e avere in anteprima sullo schermo dell’area a rischio. Esistono tantissimi kit, che permettono con facili mosse, di affacciarci al mondo della video sorveglianza fai da te.

Perchè utilizzare proprio una tv come monitor per la videosorveglianza?
Spesso questi tipi di apparecchi, vengono utilizzati per difendere l’ambiente dai ladruncoli. Ambienti che sicuramente sono ad alto rischio, di conseguenza si necessita di controllare più “stanze” contemporaneamente. Spesso nei monitor per la videosorveglianza classici, essendo di piccole dimensioni, non danno la possibilità di avere immagini chiare e tempestive. Ciò non accade con le tv utilizzate come monitor per la video sorveglianza, esse sono più grandi, e grazie ad un apposita modifica, riescono contemporanemante a dividersi in più schermi, così da avere tutto sotto controllo.
Con le nuove tecnologie, infatti, LCD o LED, la qualità video è più alta, capace di trasmettere anche video in HD generati dalle videocamere di sicurezza. Inoltre le immagini sono più nitide e funzionali, così da rendere molto più semplice l’identificazione del possibile ladro.

Modelli fai da te.
Il mercato, ha messo a disposizione dei kit, che si occupino della installazione di un sistema di videosorveglianza fai da te. Questo perchè molti preferiscono montare automaticamente questo sistema, per adattarlo come meglio alle proprie esigenze. Quasi tutti i kit base, sono composti da quattro telecamere, ad alta definizione, capaci di fornire delle ottime immagini. Quasi sempre le telecamere e i registratori sono collegati ad un router che permette di rivedere le immagini, quando ne necessitiamo. Il monitor, spesso gode di un hard disk integrato, capace di contenere tutte le immagini registrate e di analizzarle quando vogliamo.Di solito nei kit, viene anche venduto un ottimo manuale d’istruzione, che spiega minuziosamente il semplice iter per installare questo fantastico sistema di videosorveglianza.

Impianto videosorveglianza come realizzarlo

Negli ultimi anni, visto il notevole aumento di furti in casa, si sente sempre di più il bisogno di sentirsi protetti e di monitorare le nostre case anche quando non siamo presenti all’interno delle abitazioni.
Fino a qualche anno fa, il problema più grande nell’istallazione di sistemi di videosorveglianza, consisteva nel fatto che gli impianti risultavano complicati da installare, per cui era necessario l’intervento di un tecnico.
Questo voleva dire che per mettere al sicuro i nostri beni e i nostri cari, era necessario dover sostenere un costo del materiale e della manodopera molto elevato.
Costo che solitamente si decideva di sostenere in appartamenti e residenze di proprietà, penalizzando in questa maniera ad esempio le persone in affitto, che sicuramente non avrebbero mai pensato di realizzare impianti in beni di proprietà non propria.
Grazie allo sviluppo tecnologico, però il costo di questi sistemi è sceso notevolmente e sul mercato sono presenti dei prodotti accessibili a tutti, sia dal punto di vista economico, che dal punto di vista tecnico di montaggio e istallazione.
Per effettuare un sistema di videosorveglianza è necessario sapere più o meno:
1)Quanti metri quadri vogliamo coprire?
2)Vogliamo avere un impianto wireless?
3)Vogliamo avere un impianto con i cavi?
4) Cosa devo acquistare per istallare un impianto wireless?
5) Cosa devo acquistare per istallare un impianto con i cavi?
Ovviamente più metri quadri vogliamo coprire più materiale avremmo di bisogno.
Inoltre il costo e la facilità del montaggio del sistema dipenderanno anche dalla scelta del tipo di impianto wireless o con cavi.
Optare per un sistema di monitoraggio con i cavi comprenderà una spesa maggiore, in quanto sarà necessario utilizzare oltre alle videocamere, anche un sistema di registrazione delle immagini h24, che comporta l’acquisto di un Hard Disk o di un videoregistratore, per cui anche nell’istallazione servirà una certa manualità per fare in modo che i vari cavi siano poco o niente visibili sulle pareti della casa.
Dal punto di vista di scelta delle telecamere si può optare per telecamere fisse o motorizzate con una rotazione che va fino a 360 gradi.
Se si vuole optare per un sistema di videosorveglianza che abbia un ottimo rapporto qualità/prezzo e facilità di montaggio ed uso, bisogna senza dubbio orientarsi su un impianto Wireless.
In questo caso basterà acquistare semplicemente delle videocamere, che vanno da un costo minimo di € 70,00 fino ad un massimo di € 250,00, che verrano istallate nei vari punti strategici della casa, ed essere in possesso di un collegamento internet all’interno dell’abitazione e avere delle prese elettriche da cui partirà l’alimentazione delle videocamere.
A questo punto non resta che installarle con pochi e semplici passi.
Prima di tutto si effettuerà l’installazione del setup dell’apparecchio, su pc o tablet.
Successivamente, attraverso il collegamento internet e l’utilizzo dell’indirizzo IP di rete, verrà creata una rete domestica di videosorveglianza, che può essere monitorata H24 in controllo remoto, da dispositivi quali pc, tablet o smartphone.
Molti dispositivi presenti sul mercato consentono anche la registrazione delle immagini, e sono dotati di sistemi di allert che inviano un messaggio o una mail nel caso in cui viene percepita la presenza di estranei intrusi nell’abitazione.

Videocitofonia guida su come scegliere il videocitofono

Un videocitofono è di sicuro il più rapido dei sistemi di riconoscimento che possediamo al momento per identificare chi arriva a bussare a casa nostra. In commercio ormai esistono diverse tipologie di prodotto, tutte facilmente installabili senza l’apporto tecnico di un professionista, perché progettate per il montaggio fai da te.
Nell’era della domotica e dell’automazione, il citofono classico è superato, innanzitutto perché non permette di riconoscere visivamente l’avventore che si appresta a chiedere di entrare in casa.
Molti videocitofoni implementano la tecnologia wireless e non richiedono lavori di tracciatura dei muri o di passaggio dei fili. Altri ancora invece, sono facilmente collegabili al sistema d’allarme per permettere allo stesso di entrare in funzione.

Quale videocitofono scegliere?

Tutti i videocitofoni, di base possiedono la pulsantiera (anche detta unità di chiamata) e lo schermo video con i pulsanti per l’apertura (chiamata unità di risposta). Se il videocitofono sarà utilizzato per un appartamento singolo, basterà un unità di chiamata ad un pulsante, se invece l’installazione riguarda più appartamenti, i pulsanti dovranno essere in relazione al numero degli stessi.
Stesso ragionamento per quanto riguarda i monitor che dovranno ricevere l’immagine: se abbiamo bisogno solo di vedere chi arriva ne potremo installare uno, se invece abbiamo bisogno di più monitor, da mettere in diverse stanze, nel caso di appartamenti più grandi o multipiano ne dovremo comprare diversi.
Se possediamo già un citofono, non sarà affatto diverso installarne uno con l’implementazione della sorgente video, infatti il vecchio cablaggio dei fili può essere tranquillamente riutilizzato se in condizioni ottimali, senza quindi interruzioni o danneggiamenti aggiungendo solo i due fili del collegamento video. In caso contrario, sono in vendita dei kit completi del cablaggio necessario facilissimi da installare.
La tecnologia si mette al passo con i tempi anche in fatto di videocitofoni. Sapevate che esistono dei modelli in grado di sfruttare la tecnologia PIP (Picture in Picture)? Sono in grado di inserire l’immagine della videocamera in tempo reale sulla tv o sullo smartphone per permettere di vedere chi sta suonando e addirittura permettere l’ingresso a distanza. Quelli che invece si integrano al sistema d’allarme possono essere programmati facilmente per attivare il supporto video al semplice passaggio ravvicinato di una persona o se invece di suonare, chi si avvicina volesse bussare!
Per quanto riguarda il monitor, si può scegliere anche la dimensione, se acquistare un kit che permetta la visualizzazione dei colori o uno più spartano in bianco e nero, con o senza led ad infrarossi per facilitare il riconoscimento notturno.
Qualsiasi tipo di videocitofono sceglierete quindi, sarà sicuramente un passo avanti ai citofoni classici e renderà la vostra casa sicura e smart.

Kit videosorveglianza da esterno

Uno dei metodi più efficaci per la sicurezza esterna degli ambienti – sia privati che pubblici, dove gli obiettivi sono sensibili – è sicuramente un kit di videosorveglianza. Quelli più diffusi, e all’avanguardia, in fatto di sicurezza e maneggevolezza, sono sicuramente i kit funzionanti tramite connessione wireless, una risorsa a disposizione di tutti quanti, che rende disponibile ad ognuno questo mezzo.

Il principio è facile: vi sono delle videocamere a numero variabile che, tutte insieme, sono collegate a una centralina. Dalla centralina parte il collegamento tramite filo ethernet al nostro modem wi-fi. Da lì, l’accesso alle videocamere sarà quasi ultimato. Tramite un software da installare su computer o smartphone, il nostro impianto da esterno sarà configurabile e visionabile da ogni parte del mondo, prendendo qualche accorgimento per rendere efficiente il servizio.

Prima di tutto va precisato che ogni singola fotocamera ha un nome. Un indirizzo univoco, chiamato indirizzo I.P. che identifica ognuna delle apparecchiature. Basterà digitare questo nome sul nostro browser per avere sotto controllo la situazione in ogni momento. Il vero problema che questa soluzione rappresenta è però di non banale entità. Anche il modem è identificato da un indirizzo I.P, e nella sottoscrizione di un normale contratto con chi ci offre il servizio, è norma che questo nome possa cambiare dopo un dato periodo di tempo: collegarsi dunque al modem, e di conseguenza alle videocamere ci risulterebbe molto molto diffcile. Vi sono alcuni rimedi a ciò, come l’acquisizione di un indirizzo fisso, o l’associazione di un indirizzo stabile tramite servizi gratuiti (operazione che non sempre funziona alla perfezione) disponibili sul web.

Superati questi ostacoli, però, la gestione del nostro impianto risulterà facile e non dovremo fare molti sforzi per tenere sotto assoluto controllo la suituazione. Molti sono i modelli in commercio, con diverse funzioni. Abbiamo ad esempio un numero vario di telecamere in ognuna delle dotazioni. Oppure diverse sono le definizioni delle immagini che andremo a visionare. Importante è anche una funzione che non tutti i kit posseggono: la visione notturna, che ci permetterà di tenere sotto controllo la situazione 24 ore su 24, per non lasciarsi sfuggire nemmeno un istante di ciò che accade al di fuori della nostra abitazione, o nei dintorni della nostra attività.

Facili da montare, da piazzare e da utilizzare, i kit di videosorveglianza da esterno rappresentano una delle scelte fai da te migliori sulla piazza, capaci di farci sentire al sicuro in tutte le condizioni di luce, in tutti i luoghi della terra, e utilizzando molto facilmente qualsiasi apparecchio (che sia un PC, un tablet, un cellulare o, perché no, una smart TV) rendendo la nostra vita un po’ più tranquilla. Non resta dunque che fare la scelta giusta!

Videosorveglianza autorizzazioni e privacy

Installare un sistema di videosorveglianza all’interno di spazi comuni porta a dover sottostare ad alcuni obblighi.
Per evitare infatti di dover garantire la privacy degli altri condomini, le vostre telecamere dovranno necessariamente inquadrare solo le porzioni di proprietà che vi appartengono, senza entrare nel raggio di proprietà degli altri condomini. Stessa cosa se voleste inquadrare il vostro posto auto. Se esso è ubicato all’interno di un cortile condominiale, andrà inquadrato singolarmente, se invece si trova all’esterno, l’inquadratura dovrà essere strettamente legata al vostro posto, in quanto la zona è comunque, in tal caso soggetta al transito di altre persone.
Nel caso in cui la telecamera dovesse riprendere anche persone al di fuori della nostra proprietà, dovrà farlo senza fare in modo che esse possano essere riconosciute (spostando per esempio l’inquadratura in modo che si possano vedere solo le scarpe).
Visto che l’installazione del sistema di videosorveglianza è, nel nostro caso effettuata a fini personali, la disciplina del codice della privacy non trova affatto applicazione, fatto salvo che i dati raccolti non dovranno in alcun modo essere comunicati o diffusi a terzi e che come abbiamo detto in precedenza sia tutelata la privacy delle persone che eventualmente transiteranno negli spazi comuni prospicienti quelli privati. Non esiste perciò alcun obbligo, da parte di chi utilizza un sistema di videosorveglianza, a comunicare al condominio o al comune l’attivazione dello stesso, nè tantomeno a segnalarne la presenza.
Durante l’assemblea di condominio perciò, se avrete rispettato questi semplici accorgimenti, nessuno potrà obiettare, in quanto appoggiarvi al muro magari per installare la videocamera, non impedisce l’uso dello stesso agli altri condomini.
Nel momento in cui andiamo ad installare un sistema di videosorveglianza, dobbiamo assicurarci che esso inquadri solo ed esclusivamente la nostra proprietà, in caso contrario, bisognerà attuare alcuni accorgimenti per rimanere comunque nel rispetto delle normative vigenti. Essendo un’attività invasiva, la videosorveglianza è regolata dalle leggi in materia di privacy, attraverso il proprio Garante.
L’attività di videosorveglianza è particolarmente invasiva. Per questo motivo il Garante per la Privacy ha fissato alcuni principi che devono essere sempre rispettati.
Innanzitutto è necessario informare chiunque transiti nell’area, che la zona è videosorvegliata. Questo accorgimento può essere facilmente attuati attraverso l’installazione degli appositi cartelli in vendita.
Inoltre, bisogna informare chi è potenzialmente inquadrato se le telecamere sono collegate con le forze dell’ordine. Inoltre è necessario che l’installazione in questo caso sia stata approvata dalla metà delle quote dei millesimi dell’assemblea condominiale.

La videosorveglianza nei condomini

Abitare in un condominio e avere la possibilità di installare un sistema di videosorveglianza non è affatto uno scoglio insormontabile. Ovviamente c’è un iter da seguire, ma se saprete far valere le vostre ragioni rispettando gli altri condomini, non sarà difficile chiedere loro l’autorizzazione all’intallazione di un kit di videosorveglianza.
L’introduzione dell’articolo 1122-ter del Codice Civile, inserito all’interno della riforma del condominio appartenente alla legge 220/2012 ha stabilito che si può deliberare sull’installazione di sistemi di videosorveglianza sulle parti comuni dell’edificio, in presenza dell’approvazione di almeno la metà dei millesimi degli intervenuti, fatto salvo che essi siano presenti in maggioranza in sede assembleare.
Stabilito ciò, è opportuno però fare distinzione su due casi: quello in cui il singolo condomino voglia videosorvegliare porzioni dell’edificio e quello in cui è il condominio a voler controllare a video gli spazi comuni.
Nella prima circostanza, visto che le immagini non devono essere diffuse o comunicate a terzi, il codice della privacy non viene tirato in ballo. Perciò se voleste sorvegliare la vostra stessa casa o il posto auto, non dovete ad esempio sottostare all’obbligo di segnalare la presenza della videocamera con un cartello. Tuttavia, è implicito che questi obblighi non siano dovuti nel caso in cui venga inquadrata solo la vostra proprietà. Nel caso in cui vengano invece inquadrate porzioni di altri appartamenti o proprietà terze, ci si dovrà comportare in maniera diversa.
Il Garante della Privacy stabilisce infatti che:
-coloro che transitano nell’area videosorvegliata debbano essere informati con apposita segnaletica:
– esclusi casi particolari, le immagini possano essere conservate solo per un massimo di 24-48 ore;
– se la videosorveglianza dovesse essere collegata direttamente alle forze dell’ordine, chiunque transiti nell’area ne dovrà essere informato attraverso cartelli specifici;
– le riprese effettuate dalle videocamere debbano riguardare esclusivamente le aree comuni, evitando quelle circostanti come edifici vicini, strade o esercizi commerciali che non abbiano fornito il consenso;
– le riprese ed i dati raccolti dovranno essere tutelati e protetti da misure di sicurezza che ne consentano l’accesso solo al personale autorizzato o al responsabile del trattamento dei dati (nel caso del condominio spesso questa figura è ricoperta dall’amministratore stesso).

Rispettare queste norme è assolutamente necessario, in quanto in caso contrario le immagini raccolte dalle videocamere non saranno utilizzabili in alcuna sede, anche in presenza di reati accertati e al contrario le autorità avrebbero la facoltà di procedere all’elevazione di sanzioni pecuniarie amministrative e penali nei vostri confronti, senza contare che ci potrebbe essere una richiesta di risarcimento da parte dei soggetti ripresi.

Page 2 of 11

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén