Telecamere Speed Dome: novità e tendenze 3.90/5 (78.00%) 5 voti

Il mondo delle telecamere di videosorveglianza per la sicurezza è in costante sviluppo e crescita ormai da diversi anni. Si tratta di prodotti intelligenti che basano il loro funzionamento sulle tecnologie innovative, sono collegabili anche via radio e sono sempre più semplici da utilizzare e dall’alta risoluzione. In determinate circostanze si ha più necessità di raggiungere un livello di protezione particolareggiato, dettagliato ed estremamente efficiente. In tali contesti le telecamere di videosorveglianza denominate Speed Dome, ossia quei modelli di videocamere caratterizzate dalla funzione di rotazione e zoom, sono ideali poiché la loro notevole dinamicità permette di roteare più rapidamente rispetto alle tradizionali videocamere: la testa rotante, infatti, si muove orizzontalmente fino a 400° al secondo, e verticalmente fino a 120° al secondo.

In seguito ad un periodo di stasi nell’ambito dell’innovazione tecnologica, le Speed Dome hanno acquisito una rinnovata linfa vitale grazie alle novità più recenti. Vediamo insieme quali sono: prima di tutto le Speed Dome più tecnologiche garantiscono anche la visione in notturna; in alcuni modelli di ultima generazione, difatti, i led a raggi infrarosso vengono integrati all’interno del meccanismo di brandeggio, cosa che rende possibile illuminare qualunque ambiente si punti, senza mai incorrere nel rischio di restare al buio.

Altra innovazione che si ricollega alla precedente è rappresentata dal nuovo algoritmo usato per l’avvio dei led a raggi infrarossi. Adesso infatti i led si possono accendere in maniera dinamica mettendo in circolazione più o meno potenza a seconda del target da video sorvegliare: per cui, ad esempio, la luce a infrarosso sarà più potente e diretta durante lo zoom, mentre risulterà più fioca ed estesa nei casi di ripresa grandangolare. L’ultima novità si evince nell’ambito della risoluzione: attualmente, infatti, la tendenza è sul Megapixel, ciò vuol dire che le Speed Dome camera sono capaci di raggiungere una risoluzione al livello HD, quindi molto elevata, con il beneficio che avendo delle immagini molto risolute, si avrà la possibilità di sfruttare a pieno non soltanto lo zoom ottico, ma anche quella di conseguire un ulteriore zoom in modalità digitale (ovvero l’ingrandimento delle immagini) senza per questo perdere a livello della qualità delle immagini stesse.

Detto ciò, è bene specificare che attualmente l’impiego di questa tipologia di telecamera Speed Dome risulta tuttavia un po’ limitato, sia per quanto riguarda i costi (la spesa per alcuni di questi prodotti è abbastanza elevata e quindi non per tutte le tasche, in particolar modo quando si ha a che fare con i modelli  Speed Dome Megapixel), sia per ciò che concerne il fatto che una Speed Dome camera deve essere sempre abbinata al altre telecamere fisse, così da non perdere delle immagini importanti nell’ambiente in cui sono installate. In più necessitano spesso di qualcuno che le sposti e muova, poiché in caso contrario non avrebbero molto senso. Dunque, dopo questa carrellata di caratteristiche, funzioni, vantaggi e svantaggi sulle telecamere di videosorveglianza Speed Dome, non possiamo negare che si tratti di un capolavoro tecnologico che però presenta ancora alcuni limiti. Che sarà per gli anni a venire?