Videocitofonia guida su come scegliere il videocitofono 4.20/5 (84.00%) 3 voti

Un videocitofono è di sicuro il più rapido dei sistemi di riconoscimento che possediamo al momento per identificare chi arriva a bussare a casa nostra. In commercio ormai esistono diverse tipologie di prodotto, tutte facilmente installabili senza l’apporto tecnico di un professionista, perché progettate per il montaggio fai da te.
Nell’era della domotica e dell’automazione, il citofono classico è superato, innanzitutto perché non permette di riconoscere visivamente l’avventore che si appresta a chiedere di entrare in casa.
Molti videocitofoni implementano la tecnologia wireless e non richiedono lavori di tracciatura dei muri o di passaggio dei fili. Altri ancora invece, sono facilmente collegabili al sistema d’allarme per permettere allo stesso di entrare in funzione.

Quale videocitofono scegliere?

Tutti i videocitofoni, di base possiedono la pulsantiera (anche detta unità di chiamata) e lo schermo video con i pulsanti per l’apertura (chiamata unità di risposta). Se il videocitofono sarà utilizzato per un appartamento singolo, basterà un unità di chiamata ad un pulsante, se invece l’installazione riguarda più appartamenti, i pulsanti dovranno essere in relazione al numero degli stessi.
Stesso ragionamento per quanto riguarda i monitor che dovranno ricevere l’immagine: se abbiamo bisogno solo di vedere chi arriva ne potremo installare uno, se invece abbiamo bisogno di più monitor, da mettere in diverse stanze, nel caso di appartamenti più grandi o multipiano ne dovremo comprare diversi.
Se possediamo già un citofono, non sarà affatto diverso installarne uno con l’implementazione della sorgente video, infatti il vecchio cablaggio dei fili può essere tranquillamente riutilizzato se in condizioni ottimali, senza quindi interruzioni o danneggiamenti aggiungendo solo i due fili del collegamento video. In caso contrario, sono in vendita dei kit completi del cablaggio necessario facilissimi da installare.
La tecnologia si mette al passo con i tempi anche in fatto di videocitofoni. Sapevate che esistono dei modelli in grado di sfruttare la tecnologia PIP (Picture in Picture)? Sono in grado di inserire l’immagine della videocamera in tempo reale sulla tv o sullo smartphone per permettere di vedere chi sta suonando e addirittura permettere l’ingresso a distanza. Quelli che invece si integrano al sistema d’allarme possono essere programmati facilmente per attivare il supporto video al semplice passaggio ravvicinato di una persona o se invece di suonare, chi si avvicina volesse bussare!
Per quanto riguarda il monitor, si può scegliere anche la dimensione, se acquistare un kit che permetta la visualizzazione dei colori o uno più spartano in bianco e nero, con o senza led ad infrarossi per facilitare il riconoscimento notturno.
Qualsiasi tipo di videocitofono sceglierete quindi, sarà sicuramente un passo avanti ai citofoni classici e renderà la vostra casa sicura e smart.