il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Videosorveglianza: la normativa per i Comuni

comuni

Videosorveglianza: la normativa per i Comuni 3.50/5 (70.00%) 4 voti

Anche se spesso risulta un argomento ancora controverso per ragioni legate alla privacy, la videosorveglianza resta tuttavia un tema centrale in ogni comune d’Italia. Non importa quanto sia grande o piccolo, ogni comunità si sta interrogando su questo argomento. La sicurezza e il contrasto alla criminalità sono sempre di più un argomento prioritario dei nostri comuni e un buon sistema di videosorveglianza può aiutare a controllare a monitorare il territorio.

Allo stesso tempo, però, anche il tema della privacy è sempre più scottante. È giusto rinunciare alla propria riservatezza per una maggiore sicurezza? Qual è il confine invalicabile tra privacy e controllo? Per tutte queste ragioni, i Comuni hanno l’obbligo di seguire una normativa nella gestione e pianificazione del sistema di videosorveglianza dei loro territori.

Sicurezza e privacy

Raggiungere il giusto equilibrio tra sicurezza e privacy non è certamente semplice, ma il compito del garante per la privacy. Dopo le emanazioni del 2004 poi aggiornate nel 2010, i Comuni, Forze dell’Ordine e Vigili Urbani devono necessariamente seguire delle regole per un utilizzo della videosorveglianza nel rispetto della privacy. Quali sono queste regole? Ora andremo ad indicare sommariamente le regolamentazioni che devono essere seguite.

Tutte le norme da seguire

In primo luogo, il garante della privacy si è focalizzato sull’informativa. Infatti, ha stabilito che il cittadino deve essere sempre a conoscenza di eventuali sistemi di sicurezza presenti nell’area pubblica, il cittadino deve essere sempre cosciente della possibilità di essere ripreso. I Comuni, pertanto, hanno l’obbligo di segnalare con appositi cartelli ogniqualvolta siano presenti videocamere di sicurezza. Non solo. L’informativa deve anche specificare in maniera chiara tutte le informazioni riguardo orari e attività della videosorveglianza. Inoltre, deve anche essere specificato se la videosorveglianza è collegata alle forze dell’ordine.

La videosorveglianza può essere utilizzata in diversi modi. Ad esempio, la Polizia Stradale e i Vigili Urbani possono utilizzarla per monitorare e controllare il traffico cittadino e le eventuali infrazioni del codice. In questo caso, la privacy è comunque garantita: infatti, le forza dell’ordine possono registrare solo la targa del veicolo, mentre non sono ammesse immagini relative a conducenti o passeggeri.

Aree ecologiche e la normativa

Un altro campo in cui spesso è la videosorveglianza viene applicata è quello delle aree ecologiche e anche qui le ultime normative hanno apportato una modifica sostanziale. Infatti, ora le amministrazioni comunali hanno la possibilità di controllare tramite video le aree ecologiche e le discariche. Si tratta di un tentativo per tenere sotto controllo non l’orario dei depositi di immondizia, ma anche la tipologia di spazzatura che viene gettata. Si spera così di portare al rispetto delle norme e delle disposizioni per il controllo e lo smaltimento dei rifiuti.

Anche in questo caso il garante della privacy si è espresso con una normativa che interviene sulla conservazione dei dati. La normativa prevede che, esclusi i fine settimana, non è possibile tenere le immagini per più di 24 ore. Solo il garante, in casi straordinari, può autorizzare alla conservazione dei video oltre il termine stabilito.

Previous

Videosorveglianza: come prevenire le discariche abusive

Next

Videosorveglianza senza fili: i vantaggi e le procedure da seguire

1 Comment

  1. cristian

    Qual è la normativa per la videosorveglianza in condominio rispetto alla privacy?

Lascia un commento

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén