Un ruolo fondamentale nei sistemi di videosorveglianza  lo riveste il cavo coassiale, ossia quel cavo che funge da collegamento tra la telecamera e il videoregistratore DVR e responsabile del trasporto delle immagini dall’una all’altra. Il cavo coassiale è un elemento detto “passivo”, perché a seconda della sua lunghezza e della frequenza di esercizio, può verificarsi un’attenuazione del segnale.

I cavi coassiali di buona qualità hanno un’attenuazione contenuta e proteggono il segnale da eventuali interferenze esterne e sollecitazioni meccaniche; un buon cavo resiste bene agli agenti atmosferici, pioggia, umidità, caldo eccessivo possono rovinare il cavo e comprometterne le funzionalità, ma se realizzato con buoni materiali il pericolo è scongiurato.

Tornando all’attenuazione va spiegato che con questo termine si indica la diminuzione in ampiezza e la distorsione del segnale durante il percorso che porta le immagini dalla videocamera al DVR; l’attenuazione è legata innanzitutto alla qualità del cavo e alla sua capacità di trattenere la perdita resistiva dei conduttori e poi alla perdita nel dielettrico, ossia uno degli strati isolanti che compongono il cavo.

Un cavo coassiale è composto da più strati: il primo è una guaina protettiva esterna, poi si passa alla treccia, al nastro, al dielettrico, fino ad arrivare al conduttore interno, quello su cui “viaggia” il segnale – dal diametro del conduttore interno dipende l’attenuazione: maggiore è il diametro, minore è l’attenuazione.
Ma analizziamo anche la composizione degli altri strati: dopo il conduttore interno si trova il dielettrico, materiale isolante costituito da politene compatto capace di attenuare le perdite elettriche e meccaniche, poi c’è il nastro che, quando presente, aumenta la qualità del cavo coassiale e le sue prestazioni schermando il conduttore dai campi elettromagnetici e isolando l’ambiente esterno dalle emissione elettromagnetiche prodotte dal conduttore interno. Infine ci sono la treccia, che può essere più o meno spessa, e la guaina che protegge tutti gli strati finora menzionati.

Il cavo coassiale: caratteristiche e materiali 3.60/5 (72.00%) 3 voti