il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Videosorveglianza per esterno: cosa sapere

esterno

Videosorveglianza per esterno: cosa sapere 3.70/5 (74.00%) 2 voti

Spesso l’ambiente che desideriamo videosorvegliare è quello esterno, un giardino, un cortile o un parcheggio. Tutte queste aree, nel maggior numero dei casi, sono difficili da equipaggiare adeguatamente con cavi e collegamenti. Infatti, questi collegamenti spesso richiedono lavori, anche di edilizia, costosi e lunghi.

Proprio per questa ragione, la scelta spesso ricade sulle soluzioni senza fili, che permettono di gestire al meglio i collegamenti. Tuttavia, prima di progettare la costruzione di un sistema, è bene tenere a mente alcuni aspetti.

Kit per esterno: la composizione

Partiamo dalle basi. Il kit di videosorveglianza è composto da una centralina di ricezione e da telecamere. La centralina è dimensionata e proporzionata rispetto al numero di telecamere di cui è composto l’intero sistema, oppure deve tenere conto la possibilità di ampliare eventualmente il sistema in un secondo momento. Questa caratteristica è abbastanza comune nei sistemi wireless, ossia senza fili, ma non è così scontata nelle soluzione cablate.

Le telecamere, invece, necessitano principalmente di due componenti: un sistema di trasferimento dati, costituito da un cavo o da una antenna in radiofrequenza, e di un sistema di alimentazione continua. Per quanto riguarda l’alimentazione, quella a batterie alla lunga potrebbe risultare di difficile gestione e generalmente poco affidabile. Inoltre, questa alimentazione deve essere posizionata in maniera da coprire più spazio possibile, garantendo al contempo immagini nitide ed intelleggibili.

Registrazione di immagini o di video?

Inoltre, prima di installare un kit di videosorveglianza per esterno, dovrete riflettere su un’altra questione. Le telecamere dovranno registrare continuamente o solo quando individuano un cambiamento nell’inquadratura? E poi volete che le immagini o le riprese vengano solamente registrate o siano raggiungibili in remoto? Utilizzerete una connessione dati (via internet attraverso un web server) oppure una connessione telefonica?

Qualunque sia la vostra scelta potrete trovare sul mercato moltissime soluzioni, di tutti i generi e per tutte le tasche. Addirittura, ci sono telecamere con sensori di movimento in grado di seguire i cambiamenti che avvengono all’interno dell’inquadratura. Possono persino effettuare ingrandimenti. Inoltre, quasi tutti i prodotti in vendita hanno la capacità di riprendere al buio o in condizione di pochissima luce con una buona definizione delle immagini.

Sono disponibili, poi, vari kit per esterno che permettono delle soluzioni praticamente già pronte fatte proprio al fatto vostro. Se invece desiderate personalizzare il kit secondo le vostre esigenze, potrete costruirvelo scegliendo i singoli elementi secondo i loro punti di forza.

Telecamere wireless e la loro vulnerabilità

Le telecamere senza fili hanno un problema particolare, insito nella loro stessa tecnologia: sono cioè vulnerabili alle intercettazioni e passibili di interferenze. Inoltre, la loro connessione con l’esterno deve essere resa particolarmente sicura, con vari sistemi a seconda della tecnologia che state utilizzando. Infatti, un sistema di videosorveglianza deve darvi la possibilità di riprendere le immagini per la vostra sicurezza, non deve, invece, fornire a terzi un mezzo per sbirciare dentro la vostra casa o il vostro ufficio. Per garantire il livello di sicurezza richiesto, potrete ricorrere a software open source e ad altre soluzioni a basso costo.

Il consiglio dell’esperto

Qualunque sia la vostra scelta e la vostra necessità, vi consigliamo in ogni caso di rivolgervi ad un esperto. Un elettricista, soprattutto quello che ha costruito l’impianto, potrà darvi delle indicazioni utili sui lavori, in modo da farvi risparmiare tempo e denaro.  Il suo aiuto potrebbe, poi, essere essenziale per studiare delle strategie in grado di mantenere l’alimentazione delle telecamere e della centralina anche in caso di black out, sia accidentale che intenzionale. Infine, l’esperto potrà darvi anche indicazioni contro le interferenze. Riuscirete, così, a garantirvi un funzionamento eccellente e costante, in ogni condizione di tempo ed in tutte le situazioni.

Previous

Telecamere per riprese in notturna: cosa sapere

Next

Perché utilizzare le telecamere di videosorveglianza

2 Comments

  1. rosa

    Con i kit wireless è possibile gestire tutto anche da remoto tramite telefono? mi trovo spesso fuori per lavoro ma allo stesso tempo vorrei avere tutto sotto controllo

  2. moreno

    si si, basta avere l’applicazione dedicata e puoi fare tutto a distanza!!

Lascia un commento

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén