il blog dedicato ai sistemi di videosorveglianza e antifurto

Tag: telecamere

Controllare la casa a distanza? Certo che si

Oggi, si sa, Smartphone e Tablet sono sempre più al centro delle nostre giornate e delle nostre esistenze: tutto è più veloce, facile, smart ed intuitivo. Anche il campo della videosorveglianza ha aperto da tempo gli orizzonti verso le innumerevoli possibilità che la tecnologia può offrirci. Ad esempio, se si parla di controllo a distanza della propria abitazione, si garantisce senza ombra di dubbio il raggiungimento di livelli di sicurezza molto alti, non solo per le case private ma anche per gli ambienti di lavoro, per le grandi ville o per le attività commerciali.

Per installare sistemi a distanza per il monitoraggio di una casa, la rete va configurata secondo i parametri IP e le caratteristiche del proprio modem o router (le più recenti telecamere risultano più costose ma al tempo stesso consentono una comunicazione diretta con i dispositivi iOS e Android, senza dover ricorrere all’uso di router o modem). Servono inoltre un Network Video Recorder e Telecamere IP, che oltre ad essere in grado di comunicare a distanza con i dispositivi mobili, possono essere collegate ad una rete sia locale che internet mediante cavo ethernet o wireless.

Dopo aver specificato quanto detto sopra, ossia il tipo di telecamere e configurato i dispositivi, va poi considerato il tipo di monitoraggio a distanza che si può e vuole raggiungere per controllare e proteggere l’abitazione in questione. Le Telecamere IP di fascia bassa consentono di servirsi di Smartphone e Tablet per guardare in diretta le immagini che man mano vengono registrate: ciò presuppone l’avere sempre e costantemente sotto controllo tutto quello che accade in casa.

Ovviamente, salendo di fascia, si può avere a che fare con prodotti di maggior qualità si in in termini di risoluzione che di resistenza ed efficacia: le Telecamere IP (Bullet o Dome), permettono di roteare e zoomare; risulterà molto più facile, quindi, inquadrare più aree di interesse nonché scattare fermo immagini. Salendo ancora, le fasce altissime hanno la possibilità di operare in modo del tutto automatico, riconoscendo il movimento. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutte le tasche!

Videosorveglianza per pompe di benzina: cosa sapere

La necessità di garantire un maggior controllo in ambienti professionali, oltre a quelli di natura privata, ha portato ad un crescente utilizzo di sistemi di videosorveglianza, anche grazie al radicale abbassamento dei costi che riguarda il mercato dei prodotti per la sicurezza. Tra le attività commerciali che da diversi anni si dotano di sistemi di videosorveglianza si possono annoverare le pompe di benzina.

Una stazione di rifornimento, si sa, ha bisogno di un monitoraggio e di un controllo continui, sia di notte che nelle ore in cui risulta attivo il servizio di self service: gli impianti di questa specifica attività professionale spesso rimangono “scoperti” e quindi soggetti alle azioni pericolose e alle eventuali cattive intenzioni di vandali o di malviventi in genere.

In molti casi non basta dotarsi di una telecamere di fascia bassa, in quanto avere delle semplici registrazioni senza funzioni e risoluzioni tali da riconoscere i dettagli (viso del malvivente, targa delle auto, caratteristiche dei veicoli in transito nella zona interessata) non porterà al riconoscimento dell’autore di danni o furti, senza quindi permettere al titolare ed alle forze dell’ordine di rimediare.

Inoltre, in diverse pompe di benzina operanti già da molti anni, vengono spesso adoperati obsoleti videoregistratori a cassetta o ci si limita al monitoraggio in tempo reale durante le ore di apertura della stazione. In questi casi, il semplice avviso di telecamera per i ladri può non bastare come deterrente; pertanto è consigliabile un aggiornamento, in quanto un sistema con cavi coassiali, anche se vecchio rispetto alle nuove tecnologie presenti sul mercato, risulta già predisposto.

Si può aggiornare il proprio impianto con una spesa realmente contenuta: basterebbe, infatti, acquistare delle telecamere con una buona risoluzione e un DVR per avere un monitoraggio efficiente, adeguato, al passo con i tempi e a buon mercato. Provare per credere!

Privacy, cookie policy e conformità GDPR

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén